Quesito Prove di controllo Centri di Trasformazione:

"Considerato che le Norme Tecniche prevedono che i CT debbano fare prove di controllo interno, tra le quali quelle sul rotolo raddrizzato e sagomato. Si chiede se a vostro avviso la prova di aderenza vada fata sui 3 spezzoni della terna testata o sia sufficiente solo su un provino considerato che l’articolo dice “(…) si cui si effettuano prove di trazione e piegamento ed UNA verifica dell’area relativa di nervatura o di dentellatura (…)”. Grazie".

Oggetto: Risposta quesito prove controllo aderenza

In merito al quesito proposto, noi riteniamo che la verifica dell’area relativa della nervatura (indice di aderenza), debba essere effettuato obbligatoriamente su un solo campione della terna prelevata per il controllo delle caratteristiche meccaniche dai saggi ottenuti dopo raddrizzamento dei rotoli.

Questo anche in analogia a quanto previsto nei controlli periodici effettuati presso i produttori di rotolo specificati nelle NTC al paragrafo 11.3.2.10.1.4.

La verifica dell’aderenza dopo il raddrizzamento ha come finalità principale quella di garantire che nel tempo tutte le variabili che incidono su questo parametro vengano tenute adeguatamente sotto controllo.

E’ opportuno che ogni Azienda in base alle proprie peculiarità stabilisca un piano di controllo che preveda nel corso di un arco temporale prestabilito di verificare:

-          tutti i fornitori di rotolo e le varie tipologie di produzione dei rotoli stessi

-          Tutti i diametri utilizzati

-          Tutte le macchine di raddrizzamento utilizzate.

Allegato breve video prova aderenza con strumentazione automatica

e immagini della strumentazione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *